Albinea

Albinea Jazz apre con la novità “New generation” a Villa Tarabini sul palco il Giulio Gentile Trio

today29 Giugno 2022

Albinea Jazz apre con la novità “New generation” a Villa Tarabini sul palco il Giulio Gentile Trio
Albinea Jazz apre con la novità “New generation” a Villa Tarabini sul palco il Giulio Gentile Trio
Giulio Gentile Trio (immagine fornita dal Comune di Albinea)

Partirà con doppio assaggio di qualità la 35esima edizione di Albinea Jazz. Si tratta di due concerti gratuiti che rientrano in “New Generation”: la nuova sezione del festival dedicato ai talenti italiani e realizzato in collaborazione con PMI (Professional Music Institute di Albinea).

Entrambi i concerti si terranno nella splendida cornice di Villa Tarabini, con inizio alle ore 21.30.

I primi ad esibirsi saranno, il 3 luglio, il Giulio Gentile Trio, che presenterà l’album “Insight”. Oltre a Gentile si esibiranno Pietro Pancella al contrabbasso e Michele Santoleri alla batteria.

 

GIULIO GENTILE TRIO – BIOGRAFIA

Nonostante la giovane età il pianista abruzzese Giulio Gentile ha ormai collezionato una ragguardevole quantità di premi e riconoscimenti, sia in Italia che all’estero.

Già membro di numerosi progetti, dal duo al quintetto, si cimenta ora nella classica forma del trio dove troviamo al suo fianco Pietro Pancella al contrabbasso e basso elettrico e Mi-chele Santoleri alla batteria. Una scelta non occasionale ma frutto di una lunga frequentazione e affinità musicale. “Insight” è stato pubblicato da Auand Records.

L’album raccoglie una serie di composizioni che coprono un lungo arco di tempo. Ai brani scritti nel 2018/2019 per la tesi in conservatorio, ne sono seguiti altri, fin a ridosso della stessa sessione di registrazione. Si tratta di un lavoro che programmaticamente cerca e trova un’impronta personale e originale, evitando di chiudersi in forme ordinarie di genere.

Pur nella cospicua presenza di tempi dispari, poliritmie e strutture armoniche ardite l’album ha comunque sempre un forte e largo respiro melodico, sia nei temi che nelle improvvisazioni. Oltre agli aspetti strettamente tecnici e compositivi ogni brano racchiude inoltre sfumature più personali.

Il secondo concerto di “New Generation” sarà il 10 luglio e avrà come protagonista l’Hack Out Trio con la presentazione dell’album “Cedrus Libani”. Il trio è composto da Manuel Caliumi (sax alto), Luca Zennaro (chitarra) e Riccardo Cocetti (batteria).

 

HACK OUT TRIO – BIOGRAFIA

HackOut è un trio bass-less che si costituisce nel 2019 al conservatorio “F.Venezze” di Rovigo. Punto focale del progetto è la ricerca di una propria identità sonora, seguendo un percorso di sperimentazione timbrica dove l’interplay riveste un ruolo fondamentale. Il repertorio si compone esclusivamente di brani inediti scritti ad-hoc con l’obiettivo di enfatizzare la natura stessa della formazione, dando rilievo alle personalità musicali dei singoli elementi ricercando l’equilibrio tra strutture armoniche e improvvisazione radicale, timbriche acustiche ed elettriche. A febbraio 2021 il trio ha registrato il suo primo lavoro discografico Cedrus Libani. L’album è composto da sette tracce inedite ed è stato pubblicato a maggio dello stesso anno dall’etichetta inglese Slam Productions.

L’anno di pubblicazione del disco d’esordio vede il trio protagonista di una prima esperienza oltre confine: la residenza artistica, della durata di un mese all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, durante la quale il trio ha composto un repertorio originale presentato in concerto presso l’Istituto stesso, con la partecipazione del celebre pianista francese Jacky Terrasson. A questa è seguita una seconda residenza artistica all’ambasciata canadese di Parigi.

Il trio ha infine sfruttato la permanenza nella capitale francese e la posizione strategica della stessa per realizzare una tourné tra centri culturali, gallerie d’arte e Istituti di Cultura Italiani che ha toccato Belgio, Paesi Bassi e Germania.

 

Il 16 luglio la rassegna entrerà nel vivo con il duo composto da Nduduzo Makhathini & Logan Richardson che si esibirà all’interno della Cantina Albinea Canali, alle ore 21.30.

Il 17 luglio, nel parco dello splendido edificio storico Villa Arnò, si esibirà il Joe Lovano and Dave Douglas Sound Prints Quintet (ore 21.30).  Prima dell’inizio del concerto verrà consegnato il premio dedicato alla memoria di Roberto Zelioli, storico protagonista della vita pubblica albinetana e reggiana, oltre che grande appassionato di musica, a un artista o a un gruppo jazz ritenuto di particolare valore e qualità. Infine, il 18 luglio, al parco dei Frassini, concerto di Jaques Morelenbaum CelloSam3aTrio (ore 21.30).

I biglietti di questi tre concerti sono acquistabili in prevendita sul sito www.vivaticket.com al link: https://www.vivaticket.com/it/tour/albinea-jazz-2022/3024

(commissione per la prevendita € 2,00)

I posti sono numerati e sarà possibile sceglierli in fase di acquisto.

È caldamente consigliato acquistare i biglietti tramite questa modalità, per evitare file la sera stessa del concerto.

E’ possibile acquistare i biglietti anche nei punti vendita di Vivaticket (cerca il punto vendita a te più vicino www.shop.vivaticket.com/ita/ricercapv), oppure in loco la sera stessa del concerto.

Per informazioni contattare la biblioteca P. Neruda di Albinea: 0522/590232 biblioteca@comune.albinea.re.it.

 

Scritto da: redazione


Articolo precedente

Sona Jobarteh, la regina della Kora, ospite di Mundus per la prima volta

Musica

Sona Jobarteh, la regina della Kora, ospite di Mundus per la prima volta

Sona Jobarteh (foto fornita da ATER Fondazione) Il 4 luglio sarà l’occasione per scoprire Sona Jobarteh, ospite di Mundus per la prima volta. Una delle musiciste africane più interessanti della nuova generazione, cantante e virtuosa di Kora. Nata a Londra ma di origini gambiane, proviene da una delle cinque principali famiglie di griot dell’Africa occidentale: archivi viventi del popolo gambiano. È la prima donna a suonare professionalmente questo strumento, un’arpa […]

today28 Giugno 2022


Post simili


0%