Traccia corrente

Titolo

Artista


John Scofield – Dave Holland duo il 9 novembre al Duse per Bologna Jazz Festival

Scritto da il 2 Novembre 2021

John Scofield & Dave Holland (di Nicholas Suttle)

La maratona di concerti nei jazz club del Bologna Jazz Festival per una sera lascia spazio a un grande appuntamento live in teatro: martedì 9 novembre il Teatro Duse ospiterà il chitarrista John Scofield e il contrabbassista Dave Holland, due figure mitologiche del jazz moderno, le cui carriere sono state lanciate dalle collaborazioni con Miles Davis. Il loro duo andrà in scena alle ore 21:15. Il concerto è realizzato in collaborazione con Coop Alleanza 3.0.

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Bologna Città della Musica UNESCO, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione MAST, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol, Coop Alleanza 3.0, TPER, Città Metropolitana di Bologna, Peugeot, del main partner Gruppo Hera e con il sostegno del Ministero della Cultura.

Il duo formato da John Scofield e Dave Holland è un eclatante caso di incontro ai massimi vertici del jazz internazionale. Parliamo di due campioni dei rispettivi strumenti, artisti che nelle loro ormai lunghissime carriere non hanno mai conosciuto battute d’arresto. Scofield e Holland hanno più volte collaborato all’interno di vari gruppi, ma trovarli nell’intima combinazione in duo darà massimo risalto alle loro spiccate personalità, decisamente distinte una dall’altra. Nel programma musicale troveranno spazio le composizioni di entrambi, oltre a una manciata di standard.

John Scofield (nato in Ohio nel 1951), dopo un apprendistato nei gruppi di Gerry Mulligan con Chet Baker, Billy Cobham & George Duke, Charles Mingus, Gary Burton e David Liebman, nel 1982 entra a far parte della band di Miles Davis. Sono anni in cui andava ancora forte il jazz-rock, al quale Scofield diede un personale contributo, prendendo parte ad alcuni dei gruppi fondamentali del genere. A lanciare definitivamente la sua inarrestabile ascesa in qualità di leader, oltre al triennio trascorso al fianco di Miles Davis, furono i dischi che la Blue Note iniziò a produrgli dal 1990. Da allora la sua carriera non ha conosciuto momenti di arresto, mentre tra le collaborazioni successive spiccano il vertice chitarristico con Pat Metheny e il duraturo sodalizio iniziato nel 1998 con il trio Medeski Martin & Wood. Scofield è uno dei chitarristi jazz più influenti degli ultimi quattro decenni, ferratissimo solista post-bop da sempre aperto alle seduzioni della fusion, il funky, il soul jazz.

Con Dave Holland ci si muove nelle sfere ‘alte’ del jazz contemporaneo. Nato nel 1946 a Wolverhampton, in Gran Bretagna, e cresciuto musicalmente in compagnia di altri celebri jazzisti attivi sulla scena inglese (Kenny Wheeler, John Surman, John Taylor), Holland impresse una nuova direzione alla sua carriera trasferendosi negli Stati Uniti nel 1968. Vi fu chiamato da Miles Davis, con una telefonata repentina pochi giorni dopo che Miles aveva sentito il giovane contrabbassista esibirsi a Londra. Holland entrò immediatamente a far parte del gruppo in via d’elettrificazione di Miles Davis, un sodalizio che durò un paio d’anni, durante i quali partecipò alle registrazioni di diversi album a partire da Filles de Kilimanjaro (inclusi gli epocali In a Silent Way e Bitches Brew).

Nel dopo-Miles, Holland creò i Circle con Chick Corea, Barry Altschul e Anthony Braxton, mentre nel 1972 pubblicò il suo primo album da leader, iniziando una lunghissima affiliazione con l’etichetta ECM. Sempre continuando l’attività a capo dei propri gruppi, Holland è stato anche al fianco di Stan Getz, Chick Corea, Herbie Hancock e Thelonious Monk. Negli ultimi tre decenni, a parte collaborazioni sempre prestigiose (come quelle con Sam Rivers e Kenny Barron), Holland si è dedicato soprattutto a sviluppare la propria musica, giungendo alle sue attuali proposte ritmicamente poliedriche e visionarie: un intreccio di linee dalle coordinate sempre spiazzanti, di assolo d’assoluta maestria. Il sound e l’empatia collettiva raggiungono nei gruppi di Holland altezze da brivido.

 

Teatro Duse, Via Cartoleria 42, Bolognaì

Informazioni: Associazione Bologna in Musica tel.: 334 7560434 – e-mail: info@bolognajazzfestival.com – www.bolognajazzfestival.com