Traccia corrente

Titolo

Artista


Albinea Jazz: annullato il concerto di Enrico Rava. Al suo posto, ci sarà il John Patitucci Trio

Scritto da il 24 Luglio 2021

L’esibizione dell’Enrico Rava Quartet, previsto per la serata del 28 luglio a Villa Arnò, non potrà avere luogo a causa di problemi di salute del maestro.

Cogliendo l’occasione per fare i migliori auguri di guarigione a Enrico Rava, la data di Albinea JJazz rimane comunque fissata con un cambio di il palinsesto che manterrà l’alto livello qualitativo proposto e che vedrà in scena il “John Patitucci Trio”, composto da John Patitucci (contrabbasso e basso elettrico), Chris Potter (sax tenore e soprano) e Brian Blade (batteria): tre esponenti del migliore jazz internazionale

Il Trio all-stars è composto da musicisti che vantano così tante collaborazioni e così tante produzioni in qualità di leader, che non basterebbe un’enciclopedia per menzionarle tutte. John Patitucci, non è solamente un contrabbassista e bassista elettrico tra i più virtuosi al mondo, ma ha fatto la storia del jazz degli ultimi 30 anni, prima a fianco di Chick Corea (Elekric e Acustic band) e successivamente nel leggendario quartetto di Wayne Shorter. Brian Blade è tra i più richiesti batteristi del nuovo millennio, compagno di scorribande anch’egli di Chick Corea (splendido il trio con Christian McBride e il compianto pianista) e sotto la “luce” di Wayne Shorter nel sopra menzionato quartetto. Chris Potter è il sassofonista jazz per antonomasia, cresciuto nel gruppo di Dave Holland e poi consacratosi come solista di punta di altri mille progetti musicali.

Intanto è tutto pronto per la prima serata della rassegna che inaugurerà lunedì 26 luglio, alle 21.30, al parco dei Frassini, con il concerto di Yamandu Costa Solo e la sua chitarra 7 corde e la sua voce.

Il chitarrista brasiliano Costa è impossibile da identificare con un solo genere musicale. Yamandu suona choro, samba, musica classica, ma è anche un gaùcho (della provincia del Rio Grande do Sul) cresciuto tra milonghe, tanghi, zambas e chamané e quindi la sua musica rappresenta un “mix” di tutti questi stili. Uno dei maggiori fenomeni della musica brasiliana di tutti i tempi, Yamandu conferma e merita tutti gli elogi che gli vengono fatti quando suona la sua chitarra. Da solo sul palco, è in grado di estasiare, sia il grande pubblico, che le platee di veri conoscitori. Da segnalare anche i suoi progetti con le Orchestre Sinfoniche, in Brasile ma anche in Francia come solista de l’Orchestre de Paris e de l’Orchestre National de France, diretta da Kurt Masur.

La prenotazione per assistere agli spettacoli è obbligatoria sul sito www.albineajazz.it.